Detrazioni per Ristrutturazioni Risparmio Energetico anche per il 2015

Nella manovra fiscale (articolo 4 c. 4 decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201) voluta da Mario Monti e successivamente ribadita dal d.l.sviluppo dello scorso luglio è entrato anche il provvedimento che rinnova le detrazioni fiscali del 55% per tutto il 2012 e fino al 30 giugno 2013 per interventi di efficienza energetica. La legge si stabilità del governo Renzi (legge num.190 del 23-12-2014) le ha prolungate per tutto il 2015, anche l’ecobonus, dal primo gennaio 2016 passeranno al 36%.

La proroga è ottima per coloro che non ce l’avrebbero fatta a terminare (e quindi a pagare) le opere ancora in cantiere: c’era la possibilità di saldare i lavori prima che fossero finiti, cautelandosi con opportune clausole contrattuali, ma era un’opzione difficilmente praticabile per i committenti. Su di loro incombe comunque un ulteriore obbligo burocratico: la comunicazione all’agenzia delle Entrate per gli interventi che proseguono oltre il periodo d’imposta. Tale comunicazione (approvata con il provvedimento del direttore dell’Agenzia del 6 maggio 2009) va eseguita telematicamente entro 90 giorni dal termine del periodo d’imposta nel quale i lavori hanno avuto inizio. Tale scadenza è il 2 aprile 2012 (il 31 marzo 2012 è un sabato). Chi non rispetta questa linea di confine, non perde il diritto alla detrazione, ma deve pagare una sanzione variabile da 258 a 2.065 euro.
Per l’invio si utiuzza il modello informatico disponibile sul sito dell’agenzia delle Entrate.

Spesa massima ristrutturazioni per risparmio energetico che è possibile effettuare per usufruire delle detrazioni (prima somma detrazioni, seconda somma spesa massima che si può sostenere). Le detrazioni al 55% si spalmano in 10 anni.

  • Riqualificazione energetica di edifici esistenti (articolo 1, comma 344) 100.000 181.818
  • Coibentazione di coperture e pavimenti (articolo 1, comma 345) 60.000 109.091
  • Finestre comprensive di infissi e porte che racchiudono locali riscaldati (articolo 1, comma 345) 60.000 109.091
  • Installazione di pannelli solari termici (articolo 1, comma 346) 60.000 109.091
  • Impianti di riscaldamento con caldaie a condensazione e relativo sistema di distribuzione (articolo 1, comma 347) 30.000 54.545
  • Impianti di riscaldamento con pompe di calore e impianti geotermici a bassa entalpia (articolo 1. comma 347) 30.000 54.545

Per ulteriori informazioni l’Agenzia delle Entrate ha stilato la guida completa per le detrazioni al 55%.

 

Leave a comment

Your email address will not be published.


*



3 − = one